CorsicoToday

Imprenditore compra casa all'asta e la trova occupata: "Entra e ti faccio esplodere col gas"

Arrestato l'ex proprietario dell'appartamento: è accusato di tentata estorsione. La storia

Foto repertorio

Prima ha affittato l'appartamento - ormai non suo - a quattro persone. Poi, si è barricato in quella casa nella quale la sua vittima doveva entrare dopo averla regolarmente acquistata e pagata. Quindi, in una sorta di delirio di onnipotenza, ha minacciato e chiesto soldi a quello stesso uomo che stava rivendicando un suo diritto. 

Un uomo di trentaquattro anni, un cittadino egiziano residente a Rozzano, è stato arrestato dai carabinieri della tenenza di Rozzano con l'accusa di tentata estorsione nei confronti di un imprenditore italiano di cinquantatré anni, titolare di una cooperativa. 

Le strade dei due si sono incrociate a settembre scorso, quando il 53enne ha acquistato ad un'asta giudiziaria al tribunale di Milano la casa del 34enne, finito nei guai perché moroso nei confronti della banca e sfrattato il mese successivo. 

Dopo aver atteso i tempi tecnici, il 31 maggio l'imprenditore si è presentato fuori dall'appartamento, in via Curiel a Rozzano, per prendere possesso dell'abitazione e permettere agli operai di iniziare i lavori di ristrutturazione necessari. All'interno, però, l'uomo ha trovato quattro cittadini albanesi, che hanno raccontato di aver pagato l'affitto proprio all'egiziano, prima di "arrendersi" e andare via.

In quel momento, stando a quanto denunciato dalla vittima, il 34enne si è presentato sotto il condominio e dopo aver minacciato e aggredito l'imprenditore si è barricato in casa urlando dal balcone: "Io ti taglio la testa, ti ammazzo se provi a entrare in casa. O mi dai settemila euro o ti giuro che ti faccio esplodere la casa con il gas". 

Il titolare della Coop, spaventato e lievemente ferito, ha così chiesto aiuto ai carabinieri, che hanno raccolto la sua versione dei fatti e sono riusciti a liberare l'appartamento. Lunedì mattina, però, le scene si sono ripetute praticamente identiche: alcuni operai hanno trovato di nuovo in casa l'egiziano, che appena ha visto il "rivale" ha ricominciato a spintonarlo e minacciarlo chiedendogli "diecimila euro, altrimenti la casa non te la do". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A quel punto, per il 34enne sono scattate le manette con l'accusa di tentata estorsione. E l'imprenditore alla fine è riuscito ad entrare in casa. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Follia alla Darsena: due ragazzi gettano in acqua un venditore di rose e poi scappano

  • Lo spettacolo della cometa Neowise, visibile a occhio nudo sopra Milano

  • H&M chiude a Milano, lavoratori trasferiti ad Ancona (e non solo): "Non ci fanno rientrare"

  • Bollettino coronavirus Milano e Lombardia: 192 guariti, 15 nuovi positivi a Milano città

  • Bollettino contagi coronavirus: a Milano trovate sei persone positive, 16 nella città metropolitana

Torna su
MilanoToday è in caricamento