CorsicoToday

Arrestato perché occupa casa, il giorno dopo è libero e va a occupare le cantine del palazzo

L'uomo era stato arrestato per aver occupato la sua ex casa, comprata all'asta da una coop

La "casa" abusiva nelle cantine del palazzo

Il pomeriggio è stato arrestato. La sera e la notte è rimasto nelle camere di sicurezza della caserma. E la mattina successiva è entrato in tribunale, da dove è uscito con un arresto convalidato sulle spalle, ma da uomo libero o quasi. 

È tornato a "colpire" l'uomo di trentaquattro anni, cittadino egiziano residente a Rozzano, che lunedì era stato fermato dai carabinieri con l'accusa di tentata estorsione nei confronti di un imprenditore italiano di cinquantatré anni, titolare di una cooperativa. 

L'unica colpa della vittima - aggredita, minacciata e ricattata - è stata aver acquistato all'asta un appartamento in un condominio di via Curiel che il 34enne aveva "perso" perché moroso nei confronti della banca che gli aveva concesso il mutuo. 

"Se entri in casa ti faccio esplodere con il gas"

I problemi tra i due sono iniziati il 31 maggio quando l'imprenditore - dopo aver atteso i tempi tecnici stabiliti dall'autorità giudiziaria - si è presentato fuori dall'appartamento per permettere agli operai di iniziare i lavori di ristrutturazione necessari. All'interno della casa, però, il 53enne ha trovato quattro cittadini albanesi, che hanno raccontato di aver pagato l'affitto all'egiziano, prima di "arrendersi" e andare via.

In quel momento, proprio l'egiziano si è presentato in via Curiel e, dopo essere riuscito ad entrare nell'abitazione, si è barricato nell'appartamento e dal balcone ha iniziato a minacciare la vittima urlando "io ti taglio la testa, ti ammazzo se provi a entrare in casa. O mi dai settemila euro o ti giuro che ti faccio esplodere la casa con il gas". 

Il 53enne, ferito e spaventato, ha chiesto aiuto ai carabinieri, che soltanto lunedì mattina sono dovuti intervenire di nuovo quando gli operai incaricati dalla coop hanno trovato in casa l'egiziano. Lui, alla vista del “rivale”, gli si è scagliato contro ancora una volta chiedendogli "diecimila euro, altrimenti la casa non te la do".

Arrestato e liberato in 24 ore

A quel punto, i militari della tenenza di Rozzano hanno fatto scattare le manette per il 34enne, accusato di tentata estorsione. Giudicato per direttissima martedì mattina, l'arresto dell'uomo è stato convalidato dal giudice, che però lo ha scarcerato disponendo l'obbligo di presentazione all'autorità giudiziaria. 

E poche ore dopo, l'uomo - senza una casa - si è ripresentato nel condominio di via Curiel, creando una sorta di appartamento abusivo, con luce e un letto di fortuna, nelle cantine del condominio. "Appena ricominceranno i lavori ci saranno di nuovo problemi - l'amara constatazione dei familiari dell'imprenditore ricattato -. E di sicuro cercherà di occupare di nuovo casa nostra". 
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (14)

  • Complimentoni al solito giudice dalle interpretazioni legislative fantasiose Ma capiterà prima o poi che colpiranno te o i tuoi famigliari

  • Come prima cosa da fare ,licenziamento del giudice per mancata applicazione della legge, poi carcere ed espulsione del soggetto, sé no come alternativa consiglio a chi abita a Rozzano ed ha voglia di sgranchirsi le mani ( naturalmente gruppo numeroso) per dare una severa lezione a questo parassita così che capiscano tutti gli altri che l Italia Non è più il paese dei balocchi!!!

    • Grazie del suo prezioso consiglio,noi della sezione opinioni di legge siamo molto attenti alla soddisfazione dei nostri clienti,per qualsiasi informazione non esiti a scrivere a: Emma Rosati casella postale 20003 Milano fiori

  • ma dico io ma questa gente sul loro cammino non trovano mai uno che non si fa problemi a farsi giustizia da solo, visto che la giustizia (quella vera) oramai non esiste +

    • e dovrebbe prendere randellate dai condomini in cantina

  • Facciamo ridere! Tutto ciò accade perché questi giudici prendono le loro difese! Un esempio è Corona...italiano e perseguitato dalla giustizia senza aver ammazzato nessuno! E poi c’è questa feccia umana che minaccia di morte, ruba, ecc ecc e non fa nemmeno un giorno di carcere!

  • Un giorno ad un delinquente che fa minacce di morte, estorsioni, furto, violenza privata ma che barzelletta siamo diventati? Dovremmo prendere ad esempio il sistema di sicurezza egiziano... È una frase provocatoria ma sono certo che il problema sarebbe risolto

  • muratelo vivo in cantina. (punto)

    • Ottima soluzione!!

  • ...ma nemmeno rispedito in Egitto, costa! a calci, nei denti!

  • Lo rispedirei in Egitto assieme al magistrato

    • bravo

    • Sono d'accordo

  • La ridicola repubblichetta delle banane.

Notizie di oggi

  • Incendi

    Milano, incendio alla stazione di Lambrate: autobus Atm distrutto dalle fiamme

  • Cronaca

    In casa ha una mitragliatrice e 23 chili di droga: arrestato, "tradito" dalla moglie che picchiava

  • Cronaca

    Ventimila foto e video porno di ragazzini inviati su "Kik": arrestati 4 pedofili, altri 18 denunciati

  • Cronaca

    Bottiglie acqua contaminata con idrocarburi: ritirato un lotto di San Benedetto, l'allarme

I più letti della settimana

  • Ucciso in strada in un agguato, le ipotesi sull'omicidio di Assane tra razzismo e droga

  • Omicidio a Corsico, Assane Diallo ucciso in strada a colpi di pistola

  • 'Non ha chiesto scusa e gli ho sparato 11 colpi': Fabrizio, il killer di Corsico, racconta l'omicidio

  • Si masturba dietro un gruppo di ragazzine al concerto in Duomo: arrestato un uomo

  • Maxi blitz della polizia in via Palmanova: sgomberate alcune case, traffico bloccato

  • Omicidio a Corsico, spara e uccide un uomo in strada: 54enne morto in via delle Querce

Torna su
MilanoToday è in caricamento