CorsicoToday

Appena scarcerato si presenta così dalla ex: "Ti butterò l'acido in faccia e ti farò a pezzi"

Lo stalker è stato arrestato di nuovo dai carabinieri della Compagnia di Corsico. La vicenda

Repertorio

"Vedrai che ti butterò l'acido in faccia e ti farò a pezzi". Sono state queste parole scritte in un messaggio a far scattare la molla nella donna, che a quel punto, consigliata dal custode del suo condominio, ha subito chiamato i carabinieri. 

Ora che i militari hanno messo di nuovo le manette ai polsi dell'uomo che per mesi l'aveva assillata e terrorizzata - tanto da essere rimasto in carcere da dicembre 2017 ad ottobre 2018 per quella ragione - è difficile dire se quelle minacce di morte si sarebbero concretizzate o meno. Di certo, quando i carabinieri della stazione di Opera, comandati da Sebastiano Cubeta, sono intervenuti nel condominio della donna, lo hanno trovato davanti alla porta dell'appartamento di lei: bussava con insistenza.

A finire così in manette è un uomo di 35 anni, Ebrahim K., originario del Niger e domiciliato a Noverasco (Mi). Noto anche per reati di stupefacenti, il nigerino era stato arrestato il 7 dicembre del 2017 proprio dopo diverse denunce da parte della donna, una congolese di 32 anni, della quale si era follemente innamorato. Il nuovo arresto, avvenuto nel pomeriggio di mercoledì, è di nuovo 'codificato' come atti persecutori, aggravato dalla pericolosità del soggetto e dalla evidente possibilità di reiterazione del reato.

Nei giorni precedenti infatti il 35enne era tornato 'alla carica' con lo stesso impulso di prima. Nonostante i dieci mesi di carcere. A riferirlo ai militari, coordinati da Pasquale Puca comandante della Compagnia Corsico, è proprio la sua vittima. Già la sera del 2 novembre aveva trovato 'casualmente' l'uomo sul tram 24 di Milano, in zona Missori. Durante il viaggio lui la fissava e al capolinea si era avvicinato a lei convincendola a parlare e promettendole che non le avrebbe più dato fastidio. Infine, le aveva chiesto il numero di telefono.

Da quel giorno erano iniziate le chiamate assillanti, giorno e notte, e i messaggi. Prima affermando di perdonarla per la denuncia perché l'amava ancora, poi con le scuse più disparate come quella di darle delle chiavi oppure quella di prendere degli effetti personali in casa di lei. Così come aveva provato a contattare anche un amico della donna, che alla fine aveva bloccato il suo numero.

Minacce che hanno mandato nuovamente nel terrore la 32enne e che per fortuna sono rimaste soltanto parole. Per Ebrahim K., infatti, si sono riaperte le porte del carcere di San Vittore. Sperando che questa volta possa bastare. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (15)

  • Risorse. Cmq dico una cosa, non si può starnutire un attimo che ANPI e Sentinelli a Milano sono subito li pronti a darti del fascista, ma quando un immigrato, clandestino e delinquente commette un reato, nessuno di loro parla. Questo è fascimo!! E le donne dei movimenti? Questa donna non ha pari dignità delle altre da meritare un po' di considerazione? Neanche una parola di conforto si merita?

  • Leggere alcuni dei commenti scritti sotto questo articolo non solo fa rabbrividire per il livello di ignoranza che ha ormai pervaso la nostra società, ma ancor più drammatico a mio parere è che quasi nessuno si indigni, come sè queste affermazioni indegne siano ormai la normalità...che pochezza!

  • altra RISORSA portatrice di cultura e usanze del suo paese natio

  • La compagna sua è sempre congolese quindi lasciatelo pure fare, una in meno. Grazie

    • Fai schifo....

    • Ma non ti vergogni a scrivere delle cose del genere???

  • È l'ultimo dei problemi di questa triste storia.. Ma lasciare scritto un messaggio del genere, è da deficienti.

  • Caricare il personaggio su un aereo, sorvolare il suo paese, aprire portellone e consegnare

  • Ma perché ci ostiniamo a voler recuperare l’irrecuperabile? E non è un problema di colore della pelle. Certi individui sono marci dentro, non se ne può più. Vengono arrestati e tempo zero sono fuori e se scontano un minimo di pena sono peggio di quando sono entrati. Non deve esistere il rito abbreviato e altre amenità del genere.

    • Purtroppo il rito abbreviato esiste perché i carceri sono strapieni

      • Certo, ma per certi reati il rito abbreviato è un insulto.

  • Sapete come va a finire..? lui esce, perchè tanto grazie ai nostri giudici, esce e poi poverina, funerali, le associazioni protestano, femministe in piazza . Questa è l'italia

  • Risorse

  • ma dategli fuoco

  • sto pez.zo di me.rda

Notizie di oggi

  • Attualità

    Asilo paragonato a "scuola di ballo e canto": e il condominio sfratta i bambini e le maestre

  • Cronaca

    Ragazzini ubriachi e senza biglietto picchiano l'autista di un bus e filmano tutto, beccati

  • Cronaca

    Scappa contromano, sperona la polizia e si schianta: arrestato dopo folle inseguimento

  • Cronaca

    Anziano rapinato in ascensore: 38enne arrestato aggredisce i poliziotti

I più letti della settimana

  • Selvaggina, idromele: a Milano arriva Valhalla, il primo ristorante vichingo d'Italia

  • Tragedia al concerto del trapper milanese Sfera Ebbasta: sei morti e otto feriti gravi

  • Milano apre un nuovo Esselunga: ecco come sarà il superstore

  • Blocco del traffico a Milano da venerdì 7 dicembre: superati i limiti polveri sottili (PM10)

  • Incidente sull'Autostrada A1: furgone contromano, sul posto 6 ambulanze, traffico in tilt

  • Tangenziale Ovest di Milano chiusa per un mese nel tratto tra l'Autostrada 8 e Rho

Torna su
MilanoToday è in caricamento